"Törggelen" al Maso Gschlössler in Valle Isarco, Alto Adige

Il termine "Törggelen" deriva dal latino "torculum", il torchio, il torchiare l'uva. Nell'antichità il periodo dell'autunno inoltrato, che culminava con "l'estate di San Martino" era tempo di festa: i servi dei campi ricevevano il salario, si svuotavano le botti per far spazio al vino nuovo, si ammazzava il maiale. In Alto Adige la tradizione è diventata un vero e proprio rito legato alla pressa da vino detta "Torggl". Nei masi si assaggia il vino giovane (detto anche Siaser (dolce, mosto), Nojer (nuovo) e del maiale si gustano le succose salsicce fatte in casa, le costine, il carrè affumicato con crauti e patate, insomma tutto ciò che qui è detto "Gsurtes". Alla fine della cena non possono mancare le caldarroste e le noci.

E queste sono tutte specialità che potrete gustare nella nostra "Buschenschank".

La torchiatura, il "Törggelen", aveva durata limitata a qualche giorno. Oggi va dai primi di ottobre fin quasi a Natale. Assaporate dunque l'atmosfera inconsueta delle nostre secolari cantine in pietra e... se avete voglia di un bicchiere in più, non preoccupatevi: Auto Tom, di Thomas Stolz, il titolare, mette a disposizione i propri mezzi per riportarvi a casa, senza rischi per voi e… per la vostra patente di guida.




Törggelen

Törggelen



Törggelen
Törggelen
Törggelen
Törggelen
Törggelen
Törggelen